La Saponeria Pescara-Castelvecchio 2-3

Pescara, 10 dicembre 2017.

Se pur pesantemente rimaneggiata, per le assenze di Nozzi, Stivaletta, Vizzarri, Fiorenza, Di Battista e Primi, perde immeritatamente la Saponeria Pescara contro il Castelvecchio, seconda forza del campionato.

In vantaggio per ben due volte, le ragazze pescaresi cedono il passo alla ben rodata e consolidata squadra romagnola.

Per quanto visto in campo, un pareggio sarebbe stato il risultato più giusto.

Parte molto bene il Pescara che chiude gli spazi al Castelvecchio e con veloci ripartenze gli crea non pochi problemi.

Al 12’ passa il Pescara, Santirocco (ottima la sua partita) servita sul vertice destro dell’area di rigore, dopo un velocissimo contropiede, con un gran tiro in diagonale, leggermente deviato da un’avversaria, sblocca il risultato e porta in vantaggio, meritatamente il Pescara.

Vantaggio che permane fino alla fine del primo tempo, che si conclude con il Castelvecchio che cerca di imbastire azioni offensive e con il Pescara che, agevolmente le contrasta, le annulla e riparte creando ulteriori grattacapi alla retroguardia romagnola.

Il secondo tempo comincia sulla stessa falsariga del primo, il Castelvecchio attacca, il Pescara si chiude si difende e riparte.

Al 52’ la vice capolista pareggia: calcio di punizione, dal vertice sinistro dell’area di rigore Pastore lascia partire una insidiosa “parabola” che sfiorata dal “tuppo” di Nagni, beffardamente inganna la difesa pescarese e si insacca alla sinistra di Dilettuso.

Il Pescara non ci sta e dopo quattro minuti, al 56’ si riporta in vantaggio. Velocissima azione sulla sinistra, Cialfi (oggi in stato di grazia) serve in profondità’ “al bacio” Santirocco, che da posizione centrale, al limite dell’area di rigore, con un bel tiro “fa secca” Pacini e riporta in vantaggio le adriatiche.

Al 61’ il Castelvecchio pareggia di nuovo.

Sugli sviluppi di una rimessa laterale e relativo cross al centro area, Petralia si ritrova tra i piedi, dopo un fortunoso rimpallo con il palo, la palla del due a due, che da un passo, inevitabilmente, deposita in rete.

Le ragazze pescaresi, provano a reagire, ma accusano il colpo e al 72’, purtroppo, capitolano.

Beleffi, dopo un rimpallo con la difesa pescarese, entra in area dalla destra e lascia partire un bolide in diagonale che piega le mani all’incolpevole Dilettuso per il definitivo due a tre.

Ci prova ancora, stoicamente, il Pescara a rimettere in carreggiata la partita, ma non ce la fa, la corazzata romagnola, a pieno organico, contiene la reazione e conduce in porto il “sudato” risultato.

Alle ragazze pescaresi la “consolazione” di aver disputato, in “condizioni particolari”, una GRAN BELLA PARTITA, che lascia ben sperare per il prossimo futuro.

(dgm)

TABELLINO:

LA SAPONERIA PESCARA: Dilettuso, Astolfi (dal 57’ Amicucci), Confessore, Cicala, Giuliani Longo, Santirocco, Copia, Mari (dal 72’ Lazzari), Cialfi, Paolini (dal 80’ Eugeni)

A DISPOSIZIONE: Cilli, De Leonardis, Maiorano

ALLENATORE: Mario Di Giovanni

CASTELVECCHIO: Pacini,Amaduzzi A., Amaduzzi M., Beleffi, Ugolini, Carlini, Deidda, Casadei, Guidi, Pastore, Nagni, Montanari

A DISPOSIZIONE: Carfagna, Pracucci, Comandini, Zani, Battistini, Petralia,

ALLENATORE: Flavio Varchetta

ARBITRO: Emanuele Tartarone di Frosinone

RETI: al 12’ e al 54’ Santirocco (P), al 51’ Nagni, (C) al 61’ Petralia (C), al 70’ Beleffi (C)

AMMONIZIONI: Santirocco (P)

ESPULSIONI: –