UNTERLAND Damen- La Saponeria Pescara 0-0

Cortina S.S.D.V. 21 gennaio 2018 – Dopo due vittorie consecutive contro il Pordenone ed il Castelnuovo, la Saponeria Pescara ottiene il terzo risultato utile impattando a reti bianche contro le trentine dell’Underland Damen. Pareggio che va stretto alle abruzzesi che per le occasioni da goal avute avrebbero meritato la vittoria.

La Saponeria Pescara rimaneggiata per le assenze di Copia, Cicala, Vizzarri, Lazzari e De Leonardis e con Astolfi e Longo claudicanti in panchina, nel tappeto verde di Cortina Sulla Strada Del Vino (BZ), reso  pesante dallo scioglimento della neve, mette in campo impegno, determinazione, grinta, cuore e buone trame di gioco che mettono in difficoltà le prestanti calciatrici altoatesine.

Dopo le prime schermaglie iniziali è del Pescara la prima azione degna di nota, al 10’ del primo tempo bella azione sulla destra: Santirocco serve Cialfi che pesca in piena area di rigore Stivaletta che controlla e spara in rete, ma il suo tiro incoccia le gambe di un’avversaria e non produce effetti sperati.

Al 19’ altra bella azione delle adriatiche, questa volta sulla fascia sinistra, Stivaletta lancia Paolini che controlla la sfera, rientra verso il centro dell’area e dal limite lascia partire un perfido rasoterra in diagonale indirizzato al filo del palo sinistro del portiere, Larentis che si distende in tuffo e solo con “le unghie” della mano sinistra riesce a deviare il pallone in calcio d’angolo. Nel frattempo l’Unterland non sta a guardare e si presenta in “zona di attacco”, ma Dilettuso, Confessore, Amicucci e le “pretoriane” Nozzi e Giuliani fanno buona guardia “in difesa” e non corrono grossi pericoli.

Al 37’  Cialfi, su punizione, calcia da una “trentina” di metri una velenosa parabola indirizzata sul lato destro della porta “trentina” che fa gridare al goal, ma anche questa volta Larentis ci mette una pezza col “guantone” e con difficoltà devia la palla in calcio d’angolo.

Il secondo tempo si apre subito con il Pescara in attacco. Al 46’ Stivaletta, lanciata da Eugeni, semina in dribbling un paio di avversarie, entra in area e calcia, ma la palla non entra e sfiora il palo alla destra di Larentis. Un minuto dopo replica Nozzi che su cross da calcio piazzato battuto da Paolini, con un imperioso stacco di testa impatta la sfera, che questa volta rasenta il palo sinistro della porta delle altoatesine. Al 53’ ci prova ancora Paolini, ma la sua conclusione in “mezzagirata” sorvola di poco l’incrocio dei pali alla destra di Larentis.

Al 62’ Maiorano, al rientro, sostituisce una “nervosa” Cialfi, che fino a quel momento aveva disputato una buona partita. Al 65’ Paolini batte forte da calcio d’angolo e Giuliani dal limite dell’area piccola, in bella elevazione colpisce forte e a “colpo sicuro” con l’interno destro, ma il pallone passa di un niente sopra la traversa.

Le Damen avversarie, non stanno a guardare e producono anch’esse un paio di occasioni da goal: con un colpo di testa in mischia di Pasqualini, ribattuto quasi sulla linea di porta da Nozzi, con un calcio di punizione dal limite di Fernandes che lambisce il palo alla destra di Dilettuso. Ma è il Pescara ad avere la migliore ed ultima occasione del match per il colpo del Knock Out. Al 91’ dopo una bella triangolazione tra Mari, Eugeni e Paolini, la palla viene servita a Stivaletta che entra in area e calcia, ma il suo tiro viene ribattuto dal corpo di Larentis in uscita disperata, dopo il rimpallo la stessa Stivaletta è la più lesta a riappropriarsi del pallone e con il portiere ancora a terra, leggermente defilata sulla sinistra dell’area piccola di porta, calcia sicura a rete, ma proprio sulla linea del goal un’avversaria, “provvidenzialmente”… respinge e mette il sigillo al risultato ad “occhiali”… che certo non sono serviti alle ragazze abruzzesi per “vedere” la “Dea bendata”!

(mdg)

TABELLINO:

UNTERLAND DAMEN: Larentis, Turani, Marmentini, Menegoni, Amort, Settecasi (dal 73’ Bon), Turrini (dal 61’ Barbacovi) , Dallagiacoma, Pasqualini, Ernandes (dall’80’ Muco), Peer (dal 87’ Ferraris)

A DISPOSIZIONE: Cainelli, Targa.

ALLENATORE: Massimo Trentini

LA SAPONERIA PESCARA: Dilettuso, Confessore, Amicucci, Mari, Giuliani, Nozzi, Santirocco, Eugeni, Stivaletta, Cialfi (dal 63’ Maiorano), Paolini

A DISPOSIZIONE: Cilli, Astolfi, Longo

ALLENATORE: Mario Di Giovanni

ARBITRO: Sig. De Prato di Udine

RETI: –

AMMONIZIONI: Santirocco e Confessore (P)

ESPULSIONI: Allontanati dalla panchina del Pescara il preparatore atletico Lorenzo Caporuscio per un diverbio con uno spettatore e l’allenatore Mario Di Giovanni per un malinteso con l’arbitro in seguito ad un infortunio di una calciatrice.